sabato 29 maggio 2010

IL MIO PAESE SE NE FREGA




In data 31/03/09 sottoscrivevo con il WALL STREET INSTITUTE di Milano la fornitura di un corso di lingua inglese della durata di mesi 12+2 finanziato dalla CONSUMI.it - Gruppomontepaschi- Casella Postale n.19- 50041 Calenzano (FI). In data 13/05/09, a causa della mancata prestazione dei servizi promessi dal WSI, comunicavo con lettera A/R alla CONSUMI it, che avendo pagato in data 3/05/2009 la prima rata del finanziamento (Euro 152) comprese le spese di istruzione del contatto (Euro 14,62) pari al totale di Euro 166,62, sospendevo i pagamenti successivi sino a che la WSI non avesse ottemperato ai propri obblighi contrattuali. Con raccomandata A/R del 10 /06/2009 comunicavo al WSI la mia decisione di richiesta di recesso, qualora non si addivenisse a garantirmi la fornitura dei servizi contrattuali, e trasmettevo di ritorno tutta la documentazione ricevuta. Con A/R del 10 giugno 2009 la CONSUMI.it inviata al WSI con copia allo scrivente la CONSUMI it richiedeva al WSI documentazione a giustifica di quanto da me lamentato. A questa lettera non v'è stata alcun riscontro da parte del WSI. Solo in data 28 luglio 2009 il WS dava
riscontro alla mia del 10/06/2009 dicendosi disponibili ad un incontro per discutere la soluzione di quanto da me lamentato. Poichè un precedente incontro confermato e fissato dal WSI nella persona della sigra Giannetti era stato dalla stessa non rispettato, con mia raccomandata del 31 luglio 2009, in risposta alla sopra citata A/R del WSI, rispondevo che causa la perdita di qualsiasi forma di considerazione di validità professionale nei confronti del WSI,non era mia intenzione di accettare proposte di incontro a sanatoria, e
pertanto rinnovavo la richiesta di bonaria recessione consensuale del contratto da me sottoscritto. A QUESTA RACCOMANDATA AD OGGI NON HO AVUTO ALCUN RISCONTRO.
La lettera raccomandata A/R del 18 gennaio 2010 che allego alla presente nota, inviata alla RECREFIN SERVICE - ROMA, per conto della CONSUMI it, riassume nei dettagli la vicenda e da notizie delle diverse comunicazioni scambiate al riguardo.
Poichè è mia intenzione non provvedere ad alcun pagamento per dei SERVIZI NON
PRESTATI alla CONSUMI it, vi sarei grato di darmi istruzione di come comportarmi a difesa di miei diritti.
Molto cordialmente e grazie.
Giannantonio, da Milano (MI)

Risposta:
condividiamo il contegno da lei tenuto recedendo dal contratto col WSI e il contenuto della lettera che ha inviato al finanziatore. Aggiungiamo, se può servire, che l'art. 125 c. 4 del Testo Unico Bancario prevede che se vi è un accordo di esclusiva per la concessione di credito tra finanziatore e fornitore, nel caso di inadempimento di quest'ultimo, il consumatore che abbia effettuato inutilmente la costituzione in mora ha diritto di agire contro il finanziatore nei limiti del credito concesso.