giovedì 15 novembre 2007

LE BANCHE DI OGGI

Dedicato a tutte le banche e alle loro società satellite che aiutano i cittadini a indebitarsi, che vogliono la loro vita, aspetto con ansia e un'po di paura il crollo del vostro sistema, il crollo delle vostre azioni in borsa e il licenziamento dei vostri dipendenti ai quali insegnate a fare gli strozzini legalizzati, non siete migliori del Wall Street Insitute, anzi siete peggiori di loro, guardatevi allo specchio la sera quando rientrate in casa e domandatevi che razza di gente siete.

lunedì 5 novembre 2007

LO STIVALE DEI MAIALI


Ha ragione Beppe Grillo, se uno sta fermo a guardare la fuori quello che succede si sente male, viene preso dalle ansie e dai problemi di cui si nutrono i loschi individui di questa società oramai allo sbando e priva di ogni valore umano e affettivo, ho deciso di scrivere al meetup di Milano per vedere se è possibile organizzare una piccola manifestazione davanti alla sede Milanese del WSI, prendere un megafono e chiedergli a gran voce del perchè si permettono di trattarci e umiliarci in questo modo ma non posso promettervi niente perchè ci servirebbero più persone.

Però faccio un appello a tutti i giovani che vogliono davvero imparare l'inglese, se non vi piacciono i metodi tradizionali, andate in edicola e compratevi un corso DeAgostini, sono migliori di quelli del WSI e magari con i vs pc li vedrete anche meglio, basta con le BUGIE!!!

Lettera del 29 Ottobre 2007

Cara Aduc, confido in un tuo aiuto. Lunedi' 22/10/2007 ho sottoscritto un contratto con la Wall Street Institute (WSI) presso la sede di Milano in via Cusani,5. Allo scopo di risparmiare 100 euro sul costo del corso la consulente mi ha consigliato di pagare "cash". Inoltre, comprendendo le difficolta’ economiche di noi giovani mi ha detto anche che la societa’ si sarebbe fatta carico del pagamento dell’IVA e che avrei potuto pagare il tutto in 3 scaglioni. A seguito di questi accordi verbali ho firmato un contratto per un esborso totale di 1900 euro, che prevede un pagamento il giorno della stipula di 600 euro, un altro di 700 euro per il 10/12/07 e un ultimo di 600 euro per il 10/01/08. Con la consulente ho quindi concordato un corso “All you can learn (AYCL) ” di 7 mesi con encounter individuale per un totale di 1900 euro iva compresa. Sul contratto pero' viene specificato solo la tipologia di corso (AYCL) senza nessun ulteriore dettaglio e il costo complessivo del corso viene segnato senza specificare se sia comprensivo o meno di IVA. Il giorno successivo seguo un corso introduttivo riguardo al funzionamento del corso, volto soprattutto alla spiegazione degli esercizi da fare al computer. Per la WSI questo corso introduttivo in italiano e' da considerarsi "prima lezione" e, in quanto prima lezione, una volta seguita essa determina il perfezionamento del contratto. Proprio durante questa lezione scopro che l’encounter sarebbe stato di gruppo e non individuale come concordato verbalmente: rimango attonita, faccio seduta stante le mie rimostranze al consulente ma quest’ultimo mi accusa di essere stata distratta e di non ricordare quanto detto in sede precontrattuale. Il consulente mi informa che se volessi l’encounter individuale dovrei pagare di piu' e poi con molta scioltezza va via, tranquillizzandomi, e dicendomi "vedrai che il corso ti piacera', non ti preoccupare". La mattina seguente, 24/10/07, mi sono recata nuovamente presso l’istituto per recedere il contratto: ho incontrato il consulente e gli ho detto di voler recedere perche' volevo un encounter individuale e loro invece me l’hanno dato di gruppo. Il consulente mi dice che se voglio sono libera di rescindere il contratto entro 7 giorni dalla stipula dello stesso e, per farlo, devo solo scrivere un lettera con raccomandata a/r al responsabile dell’istituto, spiegandone la motivazione. Il consulente cerca poi di tranquillizzarmi e, alla fine, mi propone allo stesso prezzo del contratto sottoscritto un corso individuale con 30 ore di lezioni (NB: ma come!?! la sera prima non mi aveva detto che avrei dovuto pagare di piu' per averlo!?!). Io non sono piu' interessata e le chiedo di specificarmi sul contratto che la quota di 1900 euro e' comprensiva di Iva come da accordi. Lei mi ha confermato verbalmente che la quota era comprensiva di iva ma, alla mia insistenza per richiedere la correzione del contratto, lei si e' rifiutata, dicendo che non ce ne era bisogno e accusandomi di diffidenza verso il mondo. La consulente ha poi cercato di convincermi a programmare le future lezioni in modo tale da provare il corso, prima di scegliere di rescindere il contratto. Quando poi pero' io sono uscita dall’istituto ho avviato la procedura per rescindere il contratto, per cui ho mandato un fax e poi la lettera raccomandata a/r. Questa mattina ho cercato di concordare un appuntamento per ritirare il mio assegno di 600 euro e loro mi hanno risposto che la mia pratica e' stata passata al loro ufficio legale perche' mi accusano di aver dichiarato il falso. So che il maggior danno che la Wall Street Institute puo' ricevere e' quello di essere rivelata per quello che e' a tutti i cittadini italiani: e' per questo motivo che ho deciso di rendere pubblica la mia storia e di chiedere il vostro supporto. Non e' possibile che tanti cittadini onesti possano ritrovarsi in situazioni simili alla mia. Vi prego se potete di aiutarmi, consigliandomi cos’altro posso fare.Giulia, da Napoli

Risposta dell'ADUC Difficilmente procederanno nei suoi confronti, ci appare piu' come una intimidazione. Le consigliamo di richiedere il dovuto tramite messa in mora:
http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_mostra.php?Scheda=111051