mercoledì 27 giugno 2007

IL LIBRO NERO

In questa missiva la povera cittadina si trasferisce in un altra città trovandosi in difficoltà nel seguire il corso, infatti rientrando alle 20.00 risulta veramente difficile far fronte al corso, tuttavia la scuola non ha cuore, non sente nessuno, sentono soltanto l'odore dei soldi che gli vengono spillati, cosi come la banca... a nessuno importa se questa poveretta viene iscritta nel libro dei cattivi delle banche perchè ha bloccato i pagamenti alla banca e nessuna banca gli concederà un prestito per minimo 5 anni, come dicevamo qualche lettera fa i cittadini sono sempre più abbandonati nei loro problemi in un mondo pieno di sciacalli, stato dove sei?.

Lettera del 11 Febbraio 2004
Spett. le ADUC Ho bisogno del Vs. aiuto e dei consigli per un problema probabilmente molto complesso.In luglio 2003 mi sono iscritta alla scuola Wall Street Institute (inglese) con la quale ho firmato il contratto per addebito mensile per un anno.D'improvviso la mia azienda mi cambia la sede di lavoro dal settembre 2003 comunicandomelo solo verso fine luglio quindi dopo che mi ero iscritta al corso. Fino allora lavoravo alla filiale di Brescia dove abito e dove mi ero iscritta al corso. Da settembre inizio a viaggiare ogni gg. avanti e indietro Bs-Mi-Bs. Il mio orario di ritorno erano le ore 20: 00. Giorno dopo giorno si confermava sempre di piu' imposibilita' di frequentare le lezioni e cosi' mi trovai di continuare di pagare mensilmente 140 euro per il corso senza possibilita' di usufruire del loro insegnamento. Alla scuola ho mandato una raccomandata dove avvisavo del mio problema affidando nella loro reazione e buona volonta' di contattarmi per darmi una mano. Contemporanemante ho bloccato addebito dal mio conto a favore della loro finanziaria Citifn. Sono passati tre mesi e adesso ho ricevuto la telefonata della Citifin con la quale mi facevano notare se entro questo mese non saldo almeno una rata delle tre mancanti cioe' se non proseguo con il pagamento mi fanno la causa.Con tutta la razionalita' con la quale capisco che tra noi c'e' un contratto non riesco a capire che io a causa di spostamento non voluto da me per lavoro, che e' l'unica mia fonte di guadagno, sono obbligata a pagare senza aver preso neanche un minimo di apprendimento. I soldi sono tanti, sono circa 1500 eur annuali divisi in 12 rate mensili.Non sapeva funzionasse in questo modo che la finanziaria anticipa i soldi alla scuola e io mi trovo davanti ha un finanziamento che non avrei mai chiesto. Nel momento d'iscrizione avevo capito che le rate mensili pago alla scuola. Invece la finanziaria mi comunica che loro non hanno niente a che vedere con la scuola ma con me perche' sono il loro cliente. E' un gioco in cui io sono stata imprudente ma vorrei sapere se ho almeno un minimo di diritto a una qualsiasi tutela Attendo la Vs. risposta con tanta ansia e Vi porgo Distinti saluti Melita, da Brescia

Risposta dell'ADUC la finanziaria deve pagarla in quanto e' comunque un contratto a se stante rispetto a quello del corso e nei riguardi di quest'ultima lei e' obbligata a prescindere dall'andamento del contratto.Cio' che lei puo' fare e' risolvere il contratto corrispondendo una penale (indicativamente del 30%) ma PRIMA deve risolvere questo problema con il fornitore del servizio e DOPO potra' ottenere la loro liberatoria nei riguardi della finanziaria o il rimborso di parte di quanto ha corrisposto -infatti, cio' che sfugge a lei e' che la scuola e' gia' stata pagata in toto dalla finanziaria, immediatamente. E' la finanziaria (che nulla c'entra col corso e la sua mancata frequentazione o meno) che deve essere invece rimborsata da lei: avendo gia' adempiuto totalmente alla sua prestazione.Inoltre, non pagando e' stata iscritta (giustamente) tra i cattivi pagatori -come minimo per 5 anni non le verranno concessi finanziamenti.Riteniamo pertanto che abbia totalmente sbagliato l'impostazione.Cio' che non puo' dire e' "non lo sapevo": su questo ci passi sopra e non si faccia sentire dal giudice, perche' lei il contratto con la finanziaria lo ha firmato: ed a parte il fatto che presumibilmente per mancanza di esperienza non conosceva -prima- il funzionamento, rimane comunque il fatto che non bisognerebbe firmare mai NULLA senza leggerlo (e dire di averlo fatto potrebbe quindi propendere a suo svantaggio).Cio' che consigliamo e' di trovare un accordo con la scuola in merito alla penale -se non trovasse un accordo agisca.

1 commento:

Truther ha detto...

Ciao, ho letto la lettera di Melita ma sinceramente, da consumatrice, non capisco il suo punto. Non credo che esista una scuola, o un corso, o una palestra o un qualsiasi altro servizio a cui uno si iscrive e poi, perchè tu 'non puoi più andare' ti rende i soldi... con tutta la solidarietà per Melita e il suo cambio di lavoro, scusate ma non vedo nessuna truffa, nè da parte della scuola nè da parte della finanziaria che ovviamente deve rientrare dei costi anticipati no? Non c'è qualcosa di più concreto e sensato su questo libro nero????