domenica 24 giugno 2007

IN QUESTO MONDO DI FURBI...


Ancora una volta i consulenti wsi si mettono bene in mostra per la loro correttezza e onestà intellettuale, infatti la povera ed ignara cittadina dice loro chiaramente che è disoccupata e che quindi ha una vita abbastanza precaria dal punto di vista finanziario, tuttavia il mondo si capovolge in un arcobaleno di colori e in un pomeriggio l'ignara cittadina si ritrova con un finanziamento concesso da una banca ad una DISOCCUPATA, complimenti, l'errore di mettere una firma c'è stato purtroppo ma quello che mi chiedo io è: esiste o no una legge che dice che esiste il diritto di recesso? si esiste ma siccome viviamo in un paese di merda dove nessuno rispetta le leggi e dove le leggi non vengono neanche più fatte in tutela del cittadino allora i nostri amici del quartierino dietro ai contratti scrivono quello che gli pare, tanto sanno che nessuno farà niente, nessuno parlerà...

Lettera del 22 Marzo 2003
gentili signori, scrivo per raccontare un'esperienza che mi sta creando dei problemi secondo me ingiustificati. In febbraio risposi a un annuncio su Internet per studiare l'inglese presso il Wall Street Institute di Firenze. Vengo contattata telefonicamente e alla richiesta del costo dei corsi mi viene detto che non si danno i prezzi per telefono ma che devo parlare con un consulente e fare un test di inglese. Mi presento allora alla sede del WSI e una consulente mi fa fare un test che faccio molto bene e per questo ricevo molti commenti lusinghieri. Al momento di spiegare il loro metodo la consulente fa mille giri di parole e io non capisco se c'e' un corso se posso fare lezioni private, mi parla di livelli che posso fare in quanto tempo voglio e esalta il loro metodo basato sull'ascolto di cassette e poi su un incontro con un tutor per la conversazione. Poi al momento di dire quanto costava il tutto mi parla di 180 euro di iscrizione e di 177 euro mensili di non si sa che cosa perche' i corsi tradizionali non esistono in quella scuola. Poi la consulente dice che c'e' lo sconto: 135 euro di iscrizione e 99 invece di 177 per un mensile in cui posso andare quante volte voglio. Poi mi dice che posso fare tre o piu' livelli in massimo 16 mesi. Io le dico che non posso impegnarmi per 16 mesi perche' sono disoccupata e in una situazione di vita precaria che non mi permette di prendermi impegni lunghi. Infine chiedo cosa devo pagare insomma; lei risponde 99 euro al mese. Per 16 mesi? chiedo io. No risponde la consulente. E l'iscrizione? Dopo essersi consultata col suo "manager" risponde che e' gratis! Dico che ci penso. lei mi risponde che lo sconto vale solo oggi, e'l'ultimo giorno ripete due volte. Mi lascio convincere e firmo.Torno a casa e rileggo il contratto. Devo pagare 1584 euro per 16 mesi e il tutto attraverso una finanziaria a cui avrei richiesto un mutuo. Telefono e dico che voglio annullare il contratto. Loro non vogliono. Ho mandato una raccomandata per annullare il contratto (il giorno dopo la firma) con ricevuta di ritorno. Ora mi arrivano i bollettini della finanziaria da pagare in 16 mensilita'. Non ho mai usufruito di un corso o del loro materiale. Loro hanno gia' ricevuto i soldi dalla finanziaria. Ho scritto alla finanziaria allegando la lettera di annullamento inviata al Wall Street Inst.Che cosa succede se non pago? Che cosa succede in queste situazioni? Cosa posso fare? Il tutto mi sembra una truffa.Grazie per una risposta Elisa

Risposta dell'ADUC non ha richiesto un mutuo, ma un finanziamento. Si consiglia, visto come si sono svolti i fatti, di trovare un accordo con la finanziaria, per risolvere il contratto pagando una penale. Potrebbe provare a fare un tentativo di conciliazione davanti al giudice di pace. Al Wall Street, potrebbe invece provare a richiedere una liberatoria, parziale o totale, minacciando di presentare una denuncia penale (entro 3 mesi dal fatto).

Nessun commento: